Differenze tra proteine concentrate e isolate, quali e quando sceglierle

Differenze tra proteine concentrate e isolate, quali e quando sceglierle

Sono migliori le Whey concentrate o isolate? Questa è la domanda che molti sportivi si pongono quando decidono di utilizzare integratori proteici estratti dal latte al fine di sostenere o accrescere la propria muscolatura.

Ma quali sono le differenze? In un mercato dove ogni giorno vengono proposte novità che promettono di essere una superiore all'altra, c'è sicuramente bisogno di indicazioni non fuorvianti che realmente possano mettere l'utente nelle migliori condizioni psicofisiche per raggiungere l'obbiettivo prefissato.

Partendo da questo presupposto, più che quale proteina concentrata o isolata scegliere, dovremmo domandarci quando è preferibile l'una rispetto all'altra.

Avrai sentito sicuramente dire che le isolate sono superiori perchè costano di più, sono più "veloci", possiedono una percentuale protidica che sfiora il 100% oppure non contengono zuccheri e quindi non sporcano il fisico quando vogliamo definire i nostri muscoli. Ma è sempre vero? Entriamo nel dettaglio.

Differenze tra proteine concentrate e isolate, tutte le caratteristiche

Il termine inglese whey significa siero di latte, una fonte protidica estratta dal latte intero (solitamente bovino) lavorata tramite procedimenti innovativi che ora andremo a descrivere.

Il siero di latte possiede un valore biologico elevato ed è altamente biodisponibile; ciò significa che il suo profilo aminoacidico è completo e rifornisce l'organismo di tutto il supporto plastico (aminoacidi) necessario alla rigenerazione dei tessuti.

Le whey concentrate, per essere tali, subiscono un processo che avviene solitamente a basse temperature denominato ultrafiltrazione. Esso è basato su un procedimento di filtrazione operato su membrana semipermeabile in grado di separare le proteine dalle impurità (es: virus e batteri) mantenendo inalterate, al tempo stesso, le proprietà nutrizionali della materia prima utilizzata.

Le proteine isolate, invece, vengono abitualmente lavorate tramite una metodica denominata microfiltrazione a flusso incrociato (Cross-Flow-Microfiltration) o doppia ultrafiltrazione. Trattasi di un procedimento di tipo fisico utilizzato per produrre la proteina in polvere a partire da una soluzione acquosa contenente le medesime proteine insieme ad altri soluti.

Ultrafiltrazione (concentrate) e microfiltrazione (isolate), PRO e CONTRO

Whey Concentrate tramite ultrafiltrazione


Aspetti Positivi
Se è vero che la finestra anabolica è importante soprattutto per tamponare e invertire la proteolisi muscolare passando da uno stato catabolico concernente lo scompenso tra la demolizione delle strutture del muscolo ed il loro ripristino, all'anabolismo, ossia l'insieme di tutti i processi metabolici che sfociano nella costruzione di nuovo tessuto muscolare, è anche vero che la crescita muscolare non avviene solo nei 30 minuti successivi al workout ma perdura per giorni. Ciò consente quindi, a questa fonte proteica, una versatilità d'utilizzo tale da attribuirgli la massima efficacia in qualsiasi momento della giornata, dal post allenamento alla colazione e fino ad arrivare agli spuntini tra i pasti principali. In sintesi, nonostante i tempi di digestione siano leggermente più lunghi (1-1,5 ore), possiamo comunque sfruttarne a pieno tutte le proprietà plastiche rigenerative a prescindere del momento d'assunzione. Altri punti a favore di questa fonte proteica riguardano la metodologia di estrazione, che non provoca un'elevata denaturazione delle proteine (90-96%), il rilascio aminoacidico medio-veloce, la maggiore presenza di importanti micronutrienti (es: sali minerali), l'attività biologica in gran parte mantenuta rispetto alle Whey idrolizzate o isolate a scambio ionico e, infine, il minore costo.

Aspetti Negativi
In primis la percentuale proteica più bassa rispetto alle isolate (70-85% vs 90-95%) che si traduce in un quantitativo minore di proteine introdotte a parità di dosaggio, poi le percentuali di grassi e lattosio maggiormente elevate che ne sconsigliano l'utilizzo nei soggetti intolleranti o comunque da parte di coloro che devono massimizzare il dimagrimento e la definizione muscolare, ed infine l'elevata risposta insulinica causa di aumento repentino del grasso corporeo negli individui affetti da insulino-resistenza.

Proteine Isolate tramite CFM o Doppia Filtrazione

Aspetti Positivi
La microfiltrazione a flusso incrociato del siero isolato permette di eliminare, grazie a membrane filtranti di ceramica dotate di fori microscopici, i grassi e gli zuccheri (lattosio) naturalmente presenti nel latte. Questo metodo è tra i più costosi ma garantisce la migliore qualità in assoluto permettendo di ottenere un isolato proteico avente percentuale protidica (sulla sostanza secca) pari o superiore al 90%, e un quantitativo di carboidrati inferiore all'1%.

Inoltre è una procedura totalmente meccanica che non utilizza agenti chimici (contrariamente all'obsoleto procedimento a scambio ionico) o temperature troppo elevate che potrebbero compromettere l'integrità strutturale delle frazioni proteiche e quindi delle catene aminoacidiche. Possiedono dei tempi di digestione estremamente veloci (30 minuti - 1 ora) e, date le percentuali di lattosio inferiori al 3%, vengono facilmente tollerate a livello gastrointestinale anche dagli intolleranti. Sono particolarmente indicate per sfruttare la cosiddetta "finestra anabolica", una condizione che si genera dopo il pesante allenamento in cui il nostro organismo, dato lo stato depletivo, riesce ad assimilare un quantitativo maggiore di nutrienti rispetto al normale al fine di riparare i tessuti danneggiati con lo sforzo.

Aspetti negativi
Sebbene siano più pure rispetto alle concentrate, se non correttamente utilizzate spesso le loro peculiarità divengono negatività. Assumere un prodotto contenente questo tipo di proteine nei periodi di massa come spuntino tra un pasto principale e l'altro non ha molto senso se non riusciamo a rallentarne i tempi di assimilazione assieme ad una fonte salubre di grassi (Omega-3, frutta secca a guscio ecc..). Se poi il soggetto che le assume è un hardgainer, cioè un individuo dalla struttura esile e con un metabolismo veloce, allora è facilmente comprensibile come questa tipologia di proteina non sia il massimo per raggiungere l'ipertrofia muscolare desiderata.

Proteine concentrate o isolate, quali scegliere e quando assumerle

Le ultime ed innovative tecniche di produzione permettono di limare i "contro" della formula proteica da assumere migliorandone i valori nutrizionali rispetto agli standard tradizionali sopra citati. La nuova Pro-Perfect+, ad esempio, è una proteina concentrata del siero del latte completamente delattosata (0,5% max di lattosio rispetto al 5-8% delle normali WPC) e avente una titolazione proteica del tutto simile a quella delle più costose whey isolate (85-88%). Ciò è consentito dal delicato processo di ultrafiltrazione a bassissime temperature nonchè dall'aggiunta della lattasi, un enzima digestivo che assorbe il lattosio rimanente presente nel siero ultrafiltrato.

Detto questo, viste le caratteristiche di ognuna, descriviamo di seguito quando è preferibile assumerne una rispetto ad un'altra.

Quando scegliere le whey concentrate:

  • se non soffri di intolleranza al lattosio;
  • se difficilmente incrementi i tuoi muscoli a causa di un metabolismo veloce;
  • se stai effettuando una dieta ipercalorica volta all'aumento della massa;
  • se vuoi risparmiare;
  • se assumi un grande quantitativo di proteine in polvere;

Quando scegliere le proteine isolate:

  • se sei intollerante al lattosio;
  • se assumi gli integratori proteici solo a ridosso dell'allenamento ai fini del recupero o a colazione;
  • se vuoi un prodotto pressochè privo di zuccheri e grassi;
  • se tendi ad ingrassare o soffri di insulino-resistenza;
  • se non badi a spese e cerchi un prodotto puro.

Ora che hai compreso le differenze tra proteine concentrate e isolate puoi approfondire l'argomento leggendo il nostro articolo dedicato alle caratteristiche qualitative che una proteina in polvere dovrebbe possedere oppure dando una sbirciata alle nostre siero proteine del latte concentrate o whey isolate.

Lascia un commento

Tutti i campi sono obbligatori